Di cosa si tratta

Cosa è l’air gun?

Quello che chiamano ‘air gun’ è uno strumento largamente usato nelle prospezioni marine, finalizzate all’individuazione di trappole geologiche in cui sono presenti fonti di petrolio.

Gli air guns sono dei cannoni che emettono ossigeno ad una forte pressione (14 – 21 MPa): questi getti provocano onde di compressione nell’acqua e sono responsabili dell’enorme danneggiamento della fauna (nonché flora) marina e rappresentano un grave pericolo per le specie marine tra cui invertebrati, tartarughe e, soprattutto, per i cetacei: per il loro udito – dal momento che ogni ‘cannonata di ossigeno’ rappresenta picchi di pressione di 230 dB* e, di conseguenza, per la loro vita.


* Per rendere l’idea, uno specchietto di come l’udito umano percepisca i dB:

– un concerto rock o una discoteca produce circa 100 dB

– un martello pneumatico ne produce 105

– un areo al decollo (a 50 m) ne produce 125

– un razzo al decollo 180 dB

Oltre i 110 dB è necessario e obbligatorio, per legge (art.2 legge n. 447/1995), usare delle protezioni. Per l’uomo.

I dB prodotti dall’air gun sono 230, più del doppio di ciò che è umanamente sopportabile, oltre la soglia del dolore.


Cambiamenti nel comportamento, elevato livello di stress, indebolimento del sistema immunitario, allontanamento dall’habitat, temporanea o permanente perdita dell’udito, morte sono solo alcuni degli effetti individuati.

Come spiegato dalla prof. Maria Rita D’Orsogna (Fonte: Prospezioni Puglia):

“L’airgun è una tecnica di ispezione dei fondali marini, per capire cosa contiene il sottosuolo. Praticamente ci sono degli spari fortissimi e continui, ogni 5 o dieci minuti, di aria compressa che mandano onde riflesse da cui estrarre dati sulla composizione del sottosuolo. Spesso, però, questi spari sono dannosi al pescato, perché possono causare lesioni ai pesci, e soprattutto la perdita dell’udito. Questo è molto grave perché molte specie ittiche dipendono dal senso dell’udito per orientarsi, per accoppiarsi e per trovare cibo. Già in provincia di Foggia ci sono stati degli spiaggiamenti ( i sette capodogli morti a Peschici – n.d.r.) che potrebbero essere dovuti a queste tecniche pericolose

Per i più insensibili, che non hanno a cuore l’ambiente e le specie in esso viventi, è possibile citare i danni diretti all’uomo: comprovabile riduzione anche a breve termine dall’utilizzo degli air gun, della riproduzione delle specie con conseguente diminuzione del pescato e quindi dell’attività della pesca e, ancora, dell’economia.

Cosa accade dopo l’individuazione di queste trappole geologiche? Riportiamo, per spiegarlo meglio, una parte tratta dal blog MondoGeologico, pubblicato da Dario Rotolo, riferendosi al post-prospezioni effettuate con l’air gun.

A questo punto, dopo aver interpretato in chiave strutturale i risultati della sismica a riflessione, se ritenuto opportuno, si procede con la trivellazione.

È proprio questa la fase più costosa dell’intero percorso verso l’oro nero: non è detto che i dati ottenuti attraverso le indagini geologiche e geofisiche, alla fine, confermino con certezza la presenza di petrolio nel sottosuolo.

Unicamente procedendo con la perforazione si avrà la prova di quanto evidenziato dalle prospezioni.

Il tutto dimostra che queste tecniche non solo sono dannose  durante il loro utilizzo, ma anche che possono rivelarsi inutili e creare danni irreversibili per il futuro.

Questo il tratto di mare individuato per le prospezioni marine in Sardegna.

Source: https://noairgun.files.wordpress.com
Source: https://noairgun.files.wordpress.com

Qualcuno vuole dire NO?

Si allega inoltre il link a un articolo davvero interessante ed esplicativo: Impatti dell’air gun

Fonte: MondoGeologico e Prospezioni Puglia, consultati il 10 Luglio 2015.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...